Sanzioni invio tardivo Fattura dal 1 Luglio 2019

Dal 1 luglio 2019 cambiano le condizioni che regolano le sanzioni di invio tardivo della fattura elettronica a SDI. Si parla, di proroghe fino al 30 settembre 2019.

Fino ad ora abbiamo avuto tempo 15 giorni dalla ricezione del pagamento per procedere all’emissione della fattura corrispondente.

La fattura non inviata si considera non emessa perché non è stata recapitata all’Agenzia delle Entrate tramite SDI, con conseguenti sanzioni (di cui all’art. 6 del Dlgs n. 471/1997).

Sanzioni: in capo a quale soggetto?

Le sanzioni per invio tardivo sono a carico del fornitore in quanto non ha consentito la detrazione Iva a carico del cliente.

La gestione con ImpresaCloud

ImpresaCloud gestisce dalla fatturazione elettronica alla gestione commerciale con una singola interfaccia intuitiva, grazie ad un sistema di notifiche automatico.

La fatturazione elettronica consente di eliminare il consumo della carta,
risparmiando sui costi di stampa, spedizione e conservazione dei documenti.
Inoltre, è meno difficile dimenticare l’emissione di una fattura elettronica grazie a strumenti informatici e gestione automatica degli invii.

Possiamo definire l’ingresso della fattura elettronica obbligatoria come una nuova pagina per le aziende italiane, soprattutto quelle ancora legate alla gestione essenziale della contabilità.

I vantaggi dell’archiviazione documentale

E’ importante capire i lati positivi del nuovo processo per trarre i vantaggi della nuova normativa.

L’ archiviazione dei documenti sarà digitale, se teniamo conto di tutti i processi che si creano per ogni emissione documentale, abbiamo un’ottima spinta per rendere i processi automatizzati.

Acquisire la fattura sotto forma di file XML (eXtensible Markup
Language), rende più rapido il processo di contabilizzazione dei dati
contenuti nelle fatture, riducendo i costi di gestione di tale processo che gli
errori che si possono generare dall’acquisizione manuale dei dati.

Cosa occorre per usare ImpresaCloud?

  • Dispositivo elettronico: Smartphone, tablet, personal computer, notebook
  • Connessione ad internet Per generazione la fattura devi conoscere:
  • Intestazione del cliente
  • codice destinatario
  • descrizione e articoli/servizi
  • prezzi e quantità Ogni file viene generato in formato XML ed inviato al sistema di interscambio che invia la fattura alla pec o al codice destinatario indicato.

    Leggi anche i requisiti di sistema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.