5 Regole per un sollecito di pagamento efficace

5 regole per un sollecito di pagamento efficace, non sono il numero di regole esattamente sufficienti.
Non esiste infatti un manuale o una vera e propria procedura per il recupero dei crediti, ogni azienda e attività gestisce in completa autonomia il proprio cashflow, ma diventa sempre più importante monitorare con attenzione il cliente per evitare che il pagamento non venga rispettato e di conseguenza trovarsi senza liquidità.
Le tempistiche sono molto veloci e non essere previdenti può causare una serie di problematiche.
Per questo 5 regole per un sollecito di pagamento efficace possono essere una buona base da cui iniziare per capire quale sia la procedura di recupero crediti più adatta alle esigenze della tua azienda oppure evitare proprio di dover recuperare il credito.

Nei processi di compravendita di beni e servizi, capita sempre più spesso che gli accordi presi tra clienti e fornitori non vengano rispettati. Le cause più comuni sono situazioni di difficoltà dei flussi in cui versano le aziende italiane e per intenzionali ritardi nei pagamenti. Sta di fatto che questi comportamenti si ripercuotono sull’intero ciclo di acquisto e vendita, generando solitamente una serie di ritardi e problemi.

Recupero crediti clienti

Diventa consapevole dei tuoi crediti e debiti, struttura un’attenta previsione, monitora i flussi di entrate e di uscite e rinnova i documenti periodici.

Vuoi evitare di essere pagato in ritardo dai tuoi clienti?
Vuoi evitare di pagare in ritardo i tuoi fornitori?

Ecco le 5 regole per un sollecito di pagamento efficace:

1) Monitoraggio del pagamento

Il promemoria della scadenza è la chiave per instaurare con il cliente il ricordo di quanto pattuito. Monitorare il processo di pagamento aiuta il tuo cliente a ricordare che ha un debito nei tuoi confronti. Invia una mail con gli estremi del pagamento e ricorda l’imminente scadenza. Consiglio inoltre, di indicare che nel caso un cui ci fossero problemi nel rispettare la scadenza, sarai lieto di ricevere comunicazione e valutare insieme come procedere.

Essere disponibili al dialogo è sempre apprezzato, soprattutto quando ci sono delle situazioni di difficoltà. Nel caso in cui ricevessi questa comunicazione di probabile ritardo, potrai a tua volta comunicare al tuo fornitore quanto sta accadendo e accordare, se possibile, una nuova data di pagamento.

Ricordati che accordando una nuova scadenza dovrai nuovamente monitorare l’effettivo pagamento di quanto accordato, quindi imposta un nuovo memo e una nuova scadenza nel documento.

2) Promemoria alla scadenza

Arrivati al giorno della scadenza oppure qualche giorno prima, invia un promemoria in cui ricordi al cliente il pagamento di quanto accordato.
Richiedi la contabile dell’avvenuto pagamento.
Attendi di ricevere comunicazione via mail, oppure contatta telefonicamente l’ufficio preposto.

3) Primo sollecito di pagamento

Passati 5/7 giorni dalla scadenza, se non hai ricevuto il bonifico, invia il primo sollecito di pagamento. Ricorda gli accordi presi in fase di acquisto oppure nel momento del nuovo accordo di pagamento e richiedi le motivazioni.
Richiedi una data certa di pagamento. Sigla un nuovo accordo.

4) Secondo sollecito di pagamento

Passati massimo 10 giorni dal primo sollecito, ti consiglio di invia una seconda mail di sollecito di pagamento. Se non hai ricevuto risposta alla prima mail, probabilmente vi è una situazione di difficoltà. Dopo aver inviato la mail, effettua una telefonata al cliente e chiedi di parlare con l’ufficio pagamenti.

5) Riscontro telefonico riportato via mail o pec

Consiglio di tracciare i solleciti telefonici con una mail, meglio una Pec verso il cliente, riepilogando quanto detti nella conversazione telefonica oppure indicando che nonostante i solleciti inviati, ad oggi non avete ricevuto alcuna comunicazione.

Indicate inoltre una data “termine” per procedere al pagamento, superata la quale, sarete costretti a rivolgervi all’ufficio legale per procedere al recupero del credito.

Verba volant, scripta manent

 Caio Tito 
https://it.wikipedia.org/wiki/Verba_volant,_scripta_manent https://www.albanesi.it/frasi-celebri-modi-dire/verba-volant-scripta-manent.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.